giovedì 2 novembre 2017

Telefonini in auto, l’allarme di Alex Zanardi: «Dobbiamo rieducare i guidatori»

«Viaggiamo circondati da “guidatori” con gli occhi sul telefono! Scusate, non sono un santo, ma vorrei fare la mia parte nel passare parola...». Il campione dello sport Alex Zanardi con un tweet, veloce e millimetrico come le traiettorie che seguiva in pista, prende posizione su quello che è considerato il nuovo nemico numero uno per la sicurezza stradale. Basti pensare che in Italia, secondo l’ultimo rapporto Aci/Istat, la prima causa di incidenti non è stata la velocità troppo elevata o la guida in stato di ebrezza ma la distrazione (16,2% del totale degli scontri). «Non ho la presunzione di volermi ergere a censore — spiega il pilota bolognese di 51 anni — ma guidando ho notato sempre più persone che si distraggono al telefonino e non si accorgono che magari hanno cambiato corsia o si sono avvicinati troppo all'auto che li precede, mettendo a rischio la loro vita e quella degli altri».
Fonte: http://www.corriere.it

Nessun commento:

Posta un commento

Campidoglio, al via messa a reddito degli appartamenti del patrimonio disponibile

La Giunta Capitolina ha approvato la Ridefinizione del piano di intervento sulle locazioni relative al patrimonio disponibile ad uso abitat...