giovedì 2 novembre 2017

In bici da Roma a Fiuggi sulla ciclabile lungo i binari dello storico trenino

In bici nel suggestivo tracciato dell’ex storico trenino Roma-Fiuggi-Frosinone alla scoperta delle bellezze del territorio lungo la dismessa ferrovia, che nell'alta Ciociaria attraversava uno dei paesaggi più belli del Lazio. Una due giorni, tra sabato e domenica, che ha richiamato numerosi appassionati del pedale sui 140 chilometri dell’antica strada ferrata realizzata circa cento anni fa.
Lungo la strada del «treno-lumaca»
In tanti sono partiti dal capolinea Pantano della Metro C di Roma, altri si sono uniti al gruppo nelle stazioni di Zagarolo, Colleferro e Paliano, tra la provincia di Roma e il Frusinate. L’iniziativa tra sport, natura e turismo, è stata promossa dalle associazioni «Ruota Libera» e «NaturAmici» di Roma aderenti alla Fiab (Federazione italiana amici della bicicletta), in collaborazione con i Comuni di Paliano, Piglio, Serrone, Acuto, Fiuggi e Frosinone. La prima giornata, sabato 28, ha visto i cicloturisti raggiungere la stazione termale di Fiuggi, percorrendo anche la pista ciclabile più lunga d’Italia, da Paliano fino alla città della celebre acqua oligominerale, per circa ventisette chilometri. Un tracciato sul quale molti anni fa, tra forti pendenze e curve molto strette, passava lo storico trenino, che per compiere l’intero tragitto di 140 chilometri, da Frosinone a Roma, impiegava oltre cinque ore. Vagoni d’epoca utilizzati fino agli anni Settanta non solo da lavoratori e studenti, ma anche da tanti turisti (due milioni e mezzo di viaggiatori l’anno) e personaggi famosi, come l’allora re d’Egitto Faruk, che viaggiò sullo storico trenino per andare in vacanza alle famose terme di Fiuggi.
Da Roma Pantano alle terme
Domenica 29 i cicloturisti da Fiuggi hanno raggiunto il lago di Canterno prima di raggiungere Frosinone, dove si è concluso il lungo itinerario che fa parte di Bicitalia 3 (ciclovia dei Pellegrini) e di EuroVelo5 (Via Romea Francigena) L’obiettivo degli organizzatori, in collaborazione con i sindaci dei centri del Frusinate attraversati dal tracciato, è di recuperare e valorizzare il percorso dell’antica tratta ferrata e farlo inserire nella ciclovia «Francigena del Sud» che dovrebbe collegare in 500 chilometri Roma con Brindisi, come previsto nel Sistema nazionale integrato dei trasporti. «Abbiamo - dice Walter De Dominicis, presidente di «Ruota Libera» di Roma – due obiettivi: realizzare un collegamento cicloturistico da Roma Pantano a Fiuggi, attraverso la pista ciclabile che parte da Paliano, e far finanziare la realizzazione del tracciato Roma-Brindisi. Puntiamo a rilanciare il percorso dell’antica ferrovia Roma-Fiuggi attraverso una collaborazione tra associazioni, Comuni e Regione Lazio». Secondo il sindaco di Piglio, Mario Felli, è una scommessa per il territorio a nord della Ciociaria. «Lavoriamo per sviluppare sempre di più la nostra pista ciclabile - dichiara - e l’idea di collegarla con Roma, lungo il vecchio tracciato del trenino, è da perseguire con il massimo impegno. E’ un obiettivo da raggiungere per dare una spinta al rilancio turistico del comprensorio».
Fonte: corriere.roma.it

Nessun commento:

Posta un commento

Roma, musei comunali (quasi) gratuiti da fine giugno per i romani

L’ingresso gratuito ai musei comunali era una delle prime iniziative annunciate dall'amministrazione  di Virginia Raggi. E ora sta pe...