domenica 22 novembre 2009

Ufficio Postale: i criteri per averne uno nuovo

Alle ore 12.30 di ieri, all'Ufficio Postale dell'Infernetto, 4 sportelli su 6 erano aperti e più di una ventina di persone in fila. La domanda ricorsiva è sempre quella: quando daranno un ufficio postale adeguato alle esigenze del quartiere? E, soprattutto, quando i residenti dell'Infernetto potranno finalmente ritirare pacchi, raccomandate, assicurate, ecc... all'ufficio dell'Infernetto senza andare a quello di Acilia?

Da indagini  effettuate 2 anni fa, con un Responsabile dello Sviluppo territoriale di Roma Sud di Poste Italiane, emerge che per aprire un nuovo UP, è necessario che lo svilippo commerciale dell'area identificata (sono stati effettuati studi per la zona adiacente alla caserma della GdF) "garantisca" numeri siginficativi: n° di aziende nella zona, numero di possibili utenti, giro di affari, etc.

Gli Uffici Postali sono sempre meno, difatti, servizi alla socialità, e sempre più "vetrine" commerciali: dall'espletamento dei servizi di corrispondenza, all'erogazione di servizi finanziari, fino alla vendita di beni di consumo materiali: dalla SIM telefonica, fino al libri e dvd.

Purtroppo, l'Infernetto è commercialmente in fase di crescita, mentre a densita abitativa, ha già raggiunto i numeri di una media città italiana.

Speriamo crescano anche i volumi di affari in modo si possa ottenere un Ufficio Postale più consono ai bisogni della zona.

Nessun commento:

Posta un commento

Campidoglio, al via messa a reddito degli appartamenti del patrimonio disponibile

La Giunta Capitolina ha approvato la Ridefinizione del piano di intervento sulle locazioni relative al patrimonio disponibile ad uso abitat...